skip to Main Content

Notizie dal Emirati Arabi, dal Medio Oriente, dal mondo.

Notizie di economia, finanza, geopolitica, tendenze, eventi, sviluppo globale, lifestyle, viaggi e turismo, dagli Emirati Arabi Uniti, dal Medio Oriente e dal mondo.
Estratti delle più importanti notizie per le imprese italiane che vogliono esportare a Dubai, UAE e su altri mercati esteri.

Il BRICS potrebbe espandersi in futuro

24/01/2020

I paesi membri del BRICS, un’organizzazione informale delle maggiori economie emergenti del mondo (vedi il nostro Glossario dell’internazionalizzazione per la definizione di BRICS) devono rafforzare la cooperazione, mentre l’espansione del gruppo è una questione per il futuro, il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha detto, secondo RIA Novosti.

“Per quanto riguarda i piani di espansione, penso che dobbiamo continuare a perseguire il percorso attuale, innanzitutto, cercando di rafforzare la cooperazione pratica, aumentarne i guadagni e specificare le attività in molte aree, in modo che i nostri paesi e le nostre persone possano sentire … che L’esistenza di BRICS è importante in termini di creazione di nuovi elementi positivi nello sviluppo economico, sociale e scientifico dei nostri paesi, nonché per altre aree di sviluppo “, ha sottolineato Ryabkov, intervenendo in una conferenza stampa per segnare l’inizio della presidenza russa di BRICS nel 2020.

“Questo è il motivo per cui è possibile parlare dell’espansione di BRICS come obiettivo per il futuro”, ha sottolineato il diplomatico russo.

Il funzionario russo ha anche affermato che “la nave BRICS supererà con sicurezza le ondate tempestose dell’attuale politica mondiale, agendo con sicurezza in tempi difficili di turbolenza politica, in condizioni di squilibrata architettura finanziaria ed economica”, sempre secondo quanto riferito da RIA Novosti.

Fonte: Il BRICS potrebbe espandersi in futuro

L’India valuta di tagliare i dazi doganali per i diamanti russi

23/01/2020

New Delhi sta valutando la possibilità di firmare un accordo bilaterale con la Russia per ridurre i dazi all’importazione di diamanti e gioielli lavorati, secondo il presidente del Consiglio nazionale per la promozione delle esportazioni di gemme e gioielli (GJEPC), Sanjay Shah, secondo la TASS.

Secondo Shah, l’India vede il mercato russo come “molto promettente”.

“Importiamo diamanti grezzi dalla Russia per un valore di circa $ 3,5 miliardi”, ha aggiunto, affermando che la riduzione dei dazi aumenterà il commercio bilaterale di $ 2-3 miliardi.

“Se i dazi vengono ridotti o azzerati, il commercio tra India e Russia fiorirà”, ha detto il presidente.

I due paesi hanno sviluppato una cooperazione nel settore dei diamanti negli ultimi anni. Il principale produttore di diamanti russo Alrosa e il GJEPC hanno preso in considerazione un trattamento fiscale preferenziale per il commercio di diamanti. Il più grande centro di taglio e lucidatura del diamante in India è uno dei principali partner commerciali di Alrosa, secondo il presidente della compagnia russa Sergey Ivanov.

Fonte: Russia e India accordo sui diamanti

La ruota panoramica più alta del mondo Ain Dubai aprirà quest’anno

21/01/2020

La ruota panoramica più alta del mondo, Ain Dubai, aprirà quest’anno

Situata sull’Isola Bluewaters di Meraas, Ain Dubai è alta più di 250 metri e la sua apertura coinciderà con l’inaugurazione di Expo 2020.

Ain Dubai trasporterà fino a 1.900 passeggeri alla volta nelle sue 48 capsule a doppi vetri, offrendo una vista a 360 gradi di Dubai.

Una volta completata, la struttura sarà più alta del 200% rispetto alla prima ruota panoramica costruita al mondo. Attualmente, la ruota panoramica più alta del mondo è l’High Roller di Las Vegas, negli Stati Uniti, alta 167 metri. Segue il London Eye, con un’altezza di 135 metri.

Ain Dubai è destinata a diventare l’attrazione principale sull’isola di Bluewaters, che offre anche attività di intrattenimento, vendita al dettaglio, offerte residenziali e ospitalità.

Fonte: La ruota panoramica più alta del mondo

Dubai è già una destinazione di tendenza per il 2020

20/01/2020

La città si unirà ad altre mete preferite come Vienna, Galway e Marrakech nella lista dei punti di interesse turistico.

La città di Dubai è destinata a diventare una delle principali destinazioni turistiche di tendenza nel 2020, unendosi ad altre città internazionali che vantano tutti eventi importanti quest’anno. Le mete simili come Il Cairo, Vienna, Galway e Marrakech vantano tutti grandi eventi turistici e si prevede che attireranno tra loro centinaia di milioni di visitatori.

Ecco un riepilogo degli eventi previsti per il 2020, quando e dove:

Dubai (EAU) – Expo 2020
Expo 2020 si svolgerà dal 20 ottobre all’aprile 2021. Non solo sarà uno degli eventi più internazionali dell’anno, con circa 192 padiglioni che rappresentano altrettanti paesi, ma si prevedono oltre 25 milioni di visitatori.

Vienna (Austria) – 250° compleanno di Beethoven
La capitale austriaca celebrerà l’anniversario della nascita del grande compositore durante tutto l’anno.

Lille (Francia) – la capitale mondiale del design del 2020
Quest’anno la capitale delle Fiandre francesi sarà la capitale mondiale del design dopo Città del Messico.

Galway (Irlanda) – Capitale europea della cultura
Galway, sulla costa occidentale dell’Irlanda, è una delle due capitali europee della cultura nel 2020.

Marrakech (Marocco) – Capitale africana della cultura
Mentre l’Europa ha Galway, l’Africa ha scelto Marrakech come prima capitale della cultura in assoluto.

Tokyo (Giappone) – Le Olimpiadi estive
Questa estate tutti gli occhi saranno puntati sul Giappone, poiché Tokyo ospiterà per la seconda volta le Olimpiadi.

Fonte: Dubai destinazione turistica e culturale di tendenza

EAU: progetto di costruzione di un nuovo impianto solare da 500 MW

19/01/2020

L’autorità federale per l’energia elettrica e l’acqua (FEWA) ha invitato le aziende a presentare manifestazioni di interesse per lo sviluppo della centrale fotovoltaica a Umm Al Quwain, che è l’emirato più piccolo e meno popolato degli Emirati Arabi Uniti.

La struttura sarà costruita secondo un framework IPP (Independent Power Producer) e la proprietà sarà divisa al 60% da FEWA e dal governo di Umm Al Quwain, mentre lo sviluppatore o il consorzio selezionati deterranno il restante 40%.

Fonte: Megaprogetto per inserire gli Emirati Arabi Uniti tra i leader mondiali nelle energie rinnovabili

Millennial: cosa vogliono dalle loro finanze personali.

13/11/2019

Le società finanziarie potrebbero finalmente essere sulla buona strada per vincere gli scettici Millennial.

In annunci dai colori vivaci sulla metropolitana di Londra, la società di investimento Wealthify cerca di attirare l’attenzione degli aspiranti risparmiatori non evidenziando potenziali rendimenti o la sua bassa barriera all’ingresso. Offre invece un tono più insolito per catturare gli occhi dei pendolari. “Vuoi investire eticamente?” Si legge un annuncio. “Resta fedele ai tuoi valori.”

La campagna pubblicitaria parla delle tattiche che le aziende utilizzano per cercare di attirare i clienti più giovani verso il risparmio e gli investimenti, un gruppo che presenta un mix unico di difficoltà e opportunità. Se le generazioni sono modellate dalle loro circostanze economiche, allora i Millennial sono stati trattati male.

Molti di questi individui sono diventati adulti durante la crisi finanziaria del 2008 e la successiva recessione globale e stanno subendo le conseguenze di quando sono nati. Negli Stati Uniti, una ricerca pubblicata lo scorso anno dalla Federal Reserve ha concluso: “Sembra che i Millennial abbiano pagato un prezzo per diventare maggiorenni durante la Grande Recessione”.

Le aziende stanno rispondendo a una generazione con esigenze e priorità finanziarie mutevoli e in alcuni casi nuove interpretazioni del benessere finanziario che danno la priorità all’esperienza personale e ai valori rispetto alle metriche tradizionali come investimenti o proprietà della casa.

Fonte: Millennial e finanza

Nobel per l’economia a un trio per il loro lavoro nella lotta alla povertà globale

16/10/2019

Nobel economia 2019 - L'economista francese Esther Duflo viene dotata di un auricolare prima di una conferenza stampa a Oviedo, il 22 ottobre 2015Gli economisti Abhijit Banerjee, Esther Duflo e Michael Kremer hanno vinto il premio Nobel per l’economia 2019 per il loro lavoro nella lotta alla povertà globale, ha dichiarato lunedì la Royal Swedish Academy of Sciences.

La franco-americana Duflo diventa solo la seconda vincitrice di economia femminile nella storia dei 50 anni del premio, nonché la più giovane, infatti ha solo 46 anni. Ha condiviso il premio equamente con l’americana Banerjee e Kremer, anch’essa nata negli Stati Uniti.

L’Accademia ha affermato che il lavoro dei tre economisti ha mostrato come affrontare il problema della povertà suddividendolo in questioni più piccole e più precise in settori come l’istruzione e l’assistenza sanitaria, rendendo più facile affrontare i problemi.

“Come risultato diretto di uno dei loro studi, oltre cinque milioni di bambini indiani hanno beneficiato di efficaci programmi di tutoraggio correttivo a scuola”, ha affermato l’Accademia in una nota.

“Un altro esempio sono i pesanti sussidi per l’assistenza sanitaria preventiva che sono stati introdotti in molti paesi”.

Il premio economico per 9 milioni di corone svedesi ($ 915.300) è un’aggiunta successiva ai cinque premi creati per volontà dell’industriale e inventore di dinamite Alfred Nobel, istituito dalla banca centrale svedese e assegnato per la prima volta nel 1969.

Fonte:  Nobel economia 2019

Al Fashion Forward Dubai il Medio Oriente abbraccia il prêt-à-porter

16/10/2019

Medio Oriente prêt-à-porter - Mrs Keepa

Capi dell’ultima collezione di Mrs Keepa. Due negozi indipendenti di Mrs Keepa apriranno a Dubai questo autunno. © Fashion Forward Dubai

I clienti di una regione nota per i suoi designer di alta moda stanno alimentando l’ascesa della moda araba contemporanea.

Fashion Forward Dubai (FFWD) ritorna questo autunno dopo una pausa di due anni. La passerella dei designer arabi che riuniscono designer regionali con acquirenti, stampa e grandi consumatori arriva quando i marchi di abbigliamento prêt-à-porter del Medio Oriente acquistano nuovo slancio.

La regione è tradizionalmente nota per i modelli di couture, ma i designer del prêt-à-porter  stanno sempre più venendo allo scoperto. Bong Guerrero, amministratore delegato e co-fondatore di FFWD, stima che la moda locale rappresenti circa il 5% della vendita al dettaglio di moda in Medio Oriente e prevede che potrebbe raggiungere fino al 30% nei prossimi pochi anni dato che sempre più designer regionali iniziano collezioni contemporanee e prêt-à-porter.

“Ho lavorato nel mondo aziendale per molti anni e ho scoperto che non avrei mai potuto trovare abiti che funzionassero per me, che avessero il senso del colore che amo e che sembrassero appropriati sul posto di lavoro”, afferma Mariam Yeya, fondatrice del brand Mrs Keepa, che è in mostra a FFWD. Questo autunno aprirà due negozi indipendenti a Dubai.

Nonostante il crescente interesse e il supporto di eventi come FFWD, i designer del Medio Oriente lottano con la mancanza di accesso al capitale e alle risorse necessarie in un ecosistema di moda funzionante, afferma Guenez dove trovare partner per produrre capi di alta qualità in quantità maggiori rimane particolarmente impegnativo.

Fonte: Medio Oriente prêt-à-porter

Il chip per l’AI crea concorrenza nel mercato della tecnologia

12/10/2019

Nel mercato globale in continua crescita, due fattori chiave hanno portato a una nuova concorrenza nel settore tecnologico: la guerra commerciale e l’intelligenza artificiale (AI). L’Hanguang 800, il primo chip AI di Alibaba, ha il potenziale per influenzare il mercato globale mentre continua ad espandere le possibilità di ciò che il mondo potrebbe diventare attraverso l’IA. Questo processore AI estremamente avanzato non doveva essere prodotto in Cina per almeno un altro anno; tuttavia, la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina ha creato una nuova competizione nel settore tecnologico, portando a una maggiore innovazione.

A seguito della guerra commerciale, la Cina è diventata cauta nel fare affidamento su società tecnologiche al di fuori dei suoi confini. Ciò ha portato all’unico motivo per cui le società tecnologiche cinesi sono state recentemente in grado di produrre nuove tecnologie a un ritmo proliferante: il governo cinese sta fornendo ingenti sussidi alle società tecnologiche. Una volta sovvenzionate, le aziende tecnologiche hanno meno costi, consentendo così di allocare più denaro per la ricerca e lo sviluppo dell’IA.

Il nuovo chip AI di Alibaba dovrebbe competere con concorrenti come Intel e Nvidia poiché il processore è in grado di ridurre le attività di elaborazione che normalmente richiederebbero da un’ora a cinque minuti.

A marzo scorso, sono iniziati i test su un nuovo servizio, alimentato dal chip, che consentirebbe ai passeggeri della metropolitana di pagare utilizzando i loro volti o voci. Man mano che i test si espandono, milioni di persone potrebbero non aver più bisogno di denaro, portafoglio o cellulare quando prendono la metropolitana.

Nel giro di pochissimi anni potremmo dover rivoluzionare completamente molte delle nostre abitudini. Le aziende italiane come rispondono a quest’accelerazione della tecnologia?

Fonte: Intelligenza artificiale, come cambia la nostra vita?

Back To Top