skip to Main Content

Il nostro glossario dell’internazionalizzazione contenente i termini tecnici usati nel sito CMPGROUP ad uso degli imprenditori che desiderano valutare le possibilità di esportare prodotti e servizi in mercati esteri, specialmente in Medio Oriente e Emirati Arabi Uniti.

Perché un glossario? Per capire subito il significato di certi termini quando si parla di export e internazionalizzazione e, solo eventualmente, usarli nel giusto contesto se stiamo parlando con persone abituate a conversare su export, internazionalizzazione, globalizzazione, ecc.

Alcuni termini, per motivi redazionali, sono stati tradotti letteralmente da fonti in lingua inglese, perciò il “pedice” (il numerino) accanto ad alcuni termini fa riferimento alla posizione nella pagina delle citazioni bibliografiche che occorre visitare per ottenere l’url originale dal quale i termini provengono.

Glossario in ordine alfabetico delle parole relative all'internazionalizzazione

A

APAC – Designazione geografica per Asia Pacific, per il sud-est asiatico.

ATR – (CERTIFICATO DI CIRCOLAZIONE LIBERA) Un documento ATR consente alle merci di beneficiare delle preferenze tariffarie su importazioni ed esportazioni tra paesi. Informazioni complete sugli ATR sono disponibili nell’Avviso doganale 812.

B

BILL OF LANDING  – Polizza di carico. Una polizza di carico è un documento legale tra lo spedizioniere delle merci e il corriere che specifica il tipo, la quantità e la destinazione delle merci trasportate. La polizza di carico serve anche come ricevuta di spedizione quando le merci vengono consegnate nella destinazione prestabilita.

BRETTON WOODS (SISTEMA BRETTON WOODS) – Il Bretton Woods è il sistema di riferimento per la gestione monetaria e dei tassi di cambio istituito nel 1944. È stato sviluppato alla Conferenza monetaria e finanziaria delle Nazioni Unite tenutasi a Bretton Woods, New Hampshire, dal 1° luglio al 22 luglio 1944. In base all’accordo, le valute sono stati ancorate al prezzo dell’oro e il dollaro USA è stato visto come una valuta di riserva legata al prezzo dell’oro. Il sistema, tuttavia, è crollato nel 1971 quando gli Stati Uniti hanno sospeso la convertibilità del dollaro ($ 20,67 l’oncia) in oro ad agosto, lo hanno svalutato a dicembre e, successivamente, hanno optato per un tasso di cambio fluttuante.

BRICS  – BRIC è un acronimo usato per definire congiuntamente le nazioni in via di sviluppo: Brasile, Russia, India e Cina – paesi che si ritiene siano i futuri fornitori dominanti di manufatti, servizi e materie prime entro il 2050. Cina e India diventeranno i fornitori principali al mondo di manufatti e servizi, rispettivamente, mentre Brasile e Russia diventeranno allo stesso modo dominanti come fornitori di materie prime. A partire dal 2010, il Sudafrica si è unito al gruppo, che ora viene chiamato BRICS. Il termine che ha avuto origine dal precedente BRIC, successivamente BRICS, oggi comprende l’aggiunta della Turchia da cui l’acronimo BRICST.

BUSINESS INTELLIGENCE  (BI) – La Business Intelligence (BI) comprende l’insieme di strategie, processi, applicazioni, dati, tecnologie e architetture tecniche utilizzate dalle imprese per supportare la raccolta, l’analisi dei dati, la presentazione e la diffusione di informazioni commerciali.

BUSINESS PLAN – Il piano aziendale o business plan, il cui “cuore” è rappresentato dal piano di marketing, non è altro che un documento scritto, possibilmente supportato da strumenti software (come esemplificato nei capitoli di questa prima parte che descrivono modelli di supporto alle decisioni), in cui viene analizzato il contesto di mercato e competitivo, vengono indicati gli obiettivi, spiegate le logiche strategiche e operative delle diverse fasi di lavoro e stimati esplicitamente, quantificandoli, i risultati di mercato ed economico-finanziari previsti in un lasso di tempo di almeno qualche anno.

Non si tratta quindi, soltanto, di un insieme di proiezioni e/o di obiettivi economico-finanziari, ma soprattutto di un’organica presentazione della situazione di contesto (ambiente, mercato, concorrenza, caratteristiche e risorse aziendali) nell’ambito di uno o più settori o segmenti di attività specifici, di una serie di scelte strategiche (relative, quindi, alla destinazione delle risorse disponibili) in funzione del raggiungimento di determinati ed espliciti obiettivi e, infine, della organizzazione (strutture, sistemi e risorse umane) e delle azioni necessarie per la realizzazione di tali strategie.
(Fonte: Il Management dell’Internazionalizzazione – 2a Edizione – Antonio Di Meo – Laura Carola Beretta – Giorgio Gandellini. A cura di: Ufficio Sviluppo e Comunicazione Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Ravenna)

C

CALL FOR EXPRESSION OF INTEREST (CEI) – Invito a manifestare interesse
“Un invito a manifestare interesse (CEI) invita gli operatori economici a presentarsi come candidati prima dell’operazione di appalto pubblico avviata da un’amministrazione aggiudicatrice. Possono essere visti come un modo per generare elenchi che possono essere aggiornati molte volte e utilizzati da tutti i servizi della Commissione per molte diverse procedure di appalto ”. ( Fonte: Europa.eu )

CALL FOR PROPOSAL – Richiesta di proposte. Diversamente dall’invito a presentare offerte (Calls for tenders), tramite invito a presentare proposte le istituzioni avviano un processo di selezione e possono selezionare diversi progetti pertinenti in un settore specifico e, in certi paesi, offrire loro una sovvenzione. Questa sovvenzione copre solo una parte dei costi ammissibili.

CALL FOR TENDER – Bando di gara. “Le gare d’appalto sono procedure applicate per generare offerte da aziende in concorrenza per appalti di lavori, forniture o servizi nell’ambito di appalti pubblici”. Le istituzioni pubblicano gare d’appalto quando devono selezionare un fornitore di servizi per una missione specifica. Il fornitore selezionato riceverà un compenso corrispondente all’importo della missione, incluso un margine di profitto.( Fonte: Europa.eu )

CCG – Dall’inglese Gulf Cooperation Council (GCC) è un’organizzazione politica che comprende i paesi di una specifica area geografica: Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

CUSTOMS TARIFF CODE / HS CODE – CODICE TARIFFA DOGANALE / CODICE SA – È l’acronimo di Harmonized Commodity Description and Coding System. Questo è lo standard comune in tutto il mondo per descrivere il tipo di merce. Ogni merce che entra o attraversa la maggior parte dei confini internazionali deve essere dichiarata alla dogana mediante questo codice … Ciò aiuta a standardizzare i codici in tutto il mondo.

D

DECISION MAKING – per Decision Making si intende la capacità di prendere decisioni in modo consapevole, ponderando le varie soluzioni e conseguenze delle nostre scelte. In breve è il processo del pensiero di selezionare una scelta logica tra le opzioni disponibili.
Quando dobbiamo prendere una decisione, dobbiamo considerare i lati positivi e negativi di ciascuna opzione e ponderare tutte le alternative. Per un processo decisionale efficace dobbiamo essere in grado di prevedere anche il risultato di ciascuna opzione. Sulla base di tutti questi fattori, saremo in grado di determinare quale opzione è la migliore per una particolare situazione.

E

ENTERPRISE EUROPE NETWORK – “La rete Enterprise Europe aiuta le aziende a innovare e crescere su scala internazionale. È la più grande rete di supporto al mondo per le piccole e medie imprese (PMI) con ambizioni internazionali. La rete è attiva in oltre 60 paesi in tutto il mondo. Riunisce 3.000 esperti di oltre 600 organizzazioni membri, tutti rinomati per l’eccellenza nel supporto alle imprese ”. Fonte: http://een.ec.europa.eu/about/about

EMEA – Indicazione geografica usata soprattutto in campo economico-industriale formata dall’acronimo inglese di Europe, Middle East, and Africa (Europa, Medio Oriente e Africa).

F

FOREIGN DIRECT INVESTMENT – FDI – Investimenti Diretti Esteri. Gli investimenti esteri diretti sono investimenti effettuati da una società o persona in un paese con interessi commerciali in un altro paese, sotto forma di operazioni commerciali o acquisizione di attività commerciali in un altro paese, come la proprietà o il controllo di interessi in un compagnia straniera. Gli investimenti diretti esteri si distinguono dagli investimenti di portafoglio in cui un investitore acquista semplicemente azioni di società con sede all’estero. La caratteristica chiave degli investimenti diretti esteri è che si tratta di un investimento effettuato che stabilisce un controllo efficace o almeno un’influenza sostanziale sul processo decisionale di un’impresa estera.

FREIGHT – Costo di trasporto. Una tassa pagata per il trasporto di merci per via aerea, terrestre o marittima. Un termine colloquiale per la tassa di trasporto. Le merci possono essere trasportate su base prepagata o raccolta merci: se il trasporto è pagato dallo speditore (come previsto dai termini C&F e CIF) le merci rimangono di proprietà dello speditore fino al momento in cui la consegna è presa dal destinatario al loro arrivo a destinazione e pagamento della fattura del mittente. Se il trasporto viene pagato dal destinatario (come da condizioni FOB), le merci diventano proprietà del destinatario quando vengono consegnate al corriere a fronte di una polizza di carico.

G

GAFTA – Dall’inglese Greater Arab Free Trade Area – Area araba allargata di libero scambio. Da non confondere con GAFTA – Grain and Feed Trade Association. Al GAFTA partecipano tutti gli Stati del Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG vedi) ed è controllato e gestito dal Consiglio Economico e Sociale (ESC) della Lega Araba.

GENERAL AGREEMENT ON TARIFFS AND TRADE – GATT – Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio – GATT – L’accordo è stato formato poco dopo la fine della seconda guerra mondiale. Il GATT era un trattato commerciale attuato per favorire la ripresa economica. Lo scopo principale del GATT era aumentare il commercio internazionale attraverso l’eliminazione o la riduzione di varie tariffe, quote e sussidi mantenendo nel contempo normative significative. Il GATT divenne legge il 1 ° gennaio 1948, una volta che fu firmato da 23 paesi. Il GATT è stato perfezionato nel corso di decenni e alla fine ha portato i 123 paesi a creare l’Organizzazione mondiale del commercio (nota generalmente con la sigla WTO – World Trade Organization) il 1 ° gennaio 1995.

GLOBALIZZAZIONE – il movimento mondiale verso l’integrazione economica, finanziaria, commerciale e delle comunicazioni.
La globalizzazione implica l’apertura di prospettive locali e nazionalistiche a una prospettiva più ampia di un mondo interconnesso e interdipendente con il libero trasferimento di capitali, beni e servizi attraverso le frontiere nazionali. Tuttavia, non include il libero movimento del lavoro e, come suggerito da alcuni economisti, può danneggiare le economie più piccole o fragili se applicato indiscriminatamente. Bibliografia2

GLOCALIZZAZIONE – Prodotti o servizi progettati per avvantaggiarsi di un mercato locale e allo stesso tempo sviluppati e distribuiti a livello globale. Il termine glocalizzazione  risulta dalla combinazione delle parole globalizzazione e localizzazione.

I

IMEA – Designazione geografica indica India, Middle East, and Africa.

INTERNAZIONALIZZAZIONE – In ambito commerciale la tendenza delle imprese ad operare al di fuori dei confini nazionali.

J

JOINT VENTURE – Nuova società formata per raggiungere obiettivi specifici di una partnership come accordo temporaneo tra due o più imprese. Le JV sono vantaggiose come meccanismo di riduzione del rischio nella penetrazione di nuovi mercati e nella messa in comune di risorse per progetti di grandi dimensioni. Tuttavia, presentano problemi unici nella proprietà azionaria, nel controllo operativo e nella distribuzione di profitti (o perdite). La ricerca indica che due accordi su JV su cinque durano meno di quattro anni e si dissolvono in acrimonia. Bibliografia3

K

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

L

LATAM – Designazione geografica per Latin America.

LETTER OF CREDIT – LETTERA DI CREDITO – Una lettera di credito è la promessa della banca dell’acquirente alla banca del venditore/esportatore che la banca onorerà la fattura presentata dall’esportatore alla data di scadenza ed effettuerà il pagamento, a condizione che il venditore/esportatore abbia rispettato tutti i requisiti e le condizioni stabiliti dall’importatore nella suddetta lettera di credito o nell’ordine di acquisto dell’acquirente e ha prodotto prove documentali per dimostrare la conformità, insieme alla documentazione relativa alla spedizione necessaria.

LICENSE AGREEMENT – CONTRATTO DI LICENZA – Un accordo di licenza si riferisce ad un accordo scritto stipulato dal proprietario contrattuale di una proprietà o attività che autorizza un altro a utilizzare quella proprietà o ad esercitare un’attività in relazione a tale proprietà. La proprietà coinvolta in un accordo di licenza può essere reale, personale o intellettuale.

M

MEMEA – Designazione geografica per Mainland Europe, Middle East, and Africa, esclude le Isole Britanniche.

MENA – Noto anche come MENAP, è un acronimo in lingua inglese che si riferisce al Medio Oriente, al Nord Africa, all’Afghanistan e al Pakistan, che corrisponde al Grande Medio Oriente. Un altro nome per la regione (esclusi Afghanistan e Pakistan) è WANA (Asia occidentale e Nord Africa). MENA copre una vasta regione che si estende dal Maghreb ad ovest fino al Pakistan ad est. L’acronimo MENA viene spesso utilizzato in ambito accademico, pianificazione militare, soccorso in caso di calamità, pianificazione dei media come regione di trasmissione e scrittura commerciale.

MERCATO UNICO DELL’UE – Il Mercato Unico Europeo consente la libera circolazione di beni, servizi, capitali e persone senza frontiere interne. Nella definizione di UE, “Il mercato unico si riferisce all’UE come a un territorio senza frontiere interne o altri ostacoli normativi alla libera circolazione di beni e servizi. Un mercato unico funzionante stimola la concorrenza e gli scambi, migliora l’efficienza, aumenta la qualità e aiuta a ridurre i prezzi. Il mercato unico europeo è uno dei maggiori successi dell’UE. Ha alimentato la crescita economica e ha semplificato la vita quotidiana delle imprese e dei consumatori europei ”.

N

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

O

OPEN PROCEDURE – PROCEDURA APERTA – In una procedura aperta, qualsiasi impresa può presentare un’offerta. Il termine minimo per la presentazione delle offerte è di 35 giorni dalla data di pubblicazione del bando di gara. Se precedentemente è stato pubblicato un avviso, questo limite di tempo può essere ridotto a 15 giorni.

P

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

Q

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

R

RISCHIO DI DEFAULT – Detto anche rischio di insolvenza,  è il rischio che il debitore non assolva, anche solo in parte, ai suoi obblighi di rimborso del capitale o al pagamento degli interessi al suo creditore. Noto anche come “probabilità di default” (PD, o tasso di insolvenza).

RISCHIO SOVRANO – Rischio di sospensione del pagamento di un prestito da parte di mutuatari (coloro che accendono un mutuo)  esteri in ragione dell’interferenza di un governo sovrano estero. Il termine si riferisce anche al rischio di default (vedi) di un governo estero su un prestito emesso (o garantito) dallo stesso governo. È anche detto rischio paese.

S

SEMEA – Designazione geografica per South Europe, Middle East, and Africa, esclude i paesi dell’Europa settentrionale.

SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES (SMEs) – PICCOLE E PICCOLE IMPRESE (PMI) – L’abbreviazione PMI (o SME in inglese) è diffusa soprattutto nell’Unione europea e nelle organizzazioni internazionali, quali la Banca Mondiale, le Nazioni Unite ed il WTO. In altri paesi è usata l’abbreviazione SMB, “Small or Medium sized Business”. Le piccole e medie imprese (PMI) sono definite nella raccomandazione UE 2003/361. I principali fattori che determinano se un’impresa è una PMI sono:
1. numero dei componenti dello staff
2. fatturato o totale di bilancio.

Categoria d’impresa Personale in staff Fatturato O Totale di bilancio
Media <250 ≤ € 50 m ≤ € 43 m
Piccola <50 ≤ € 50 m ≤ € 10 m
Micro <10  ≤ € 2 m ≤ € 2 m

Questi massimali si applicano alle cifre solo per le singole imprese. Un’azienda che fa parte di un gruppo più ampio potrebbe dover includere anche i dati relativi al personale / al fatturato / al bilancio di quel gruppo.

T

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

U

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

V

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

W

WORLD TRADE ORGANIZATION – WTO – L’Organizzazione mondiale del commercio è l’unica organizzazione internazionale che si occupa delle regole commerciali globali tra le nazioni. Il WTO si basa su accordi WTO firmati dalla maggior parte delle nazioni commerciali del mondo; la sua funzione principale è aiutare i produttori di beni e servizi, gli esportatori e gli importatori a proteggere e gestire meglio le loro attività.
Il WTO è essenzialmente un’entità di mediazione che aiuta con le regole commerciali internazionali tra le nazioni; tuttavia, il WTO è diventata una forza trainante dietro l’istituzione della globalizzazione e ha avuto effetti sia positivi che potenzialmente negativi sul mondo. Gli sforzi del WTO hanno aumentato positivamente l’espansione commerciale a livello globale, ma come effetto collaterale ha avuto un impatto negativo sulle comunità locali e sui diritti umani.

X

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

Y

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

Z

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.
Back To Top