skip to Main Content

Senza la pretesa di creare un vocabolario completo di business terminology, stiamo creando un glossario dell’internazionalizzazione contenente i termini tecnici usati nel sito CMPGROUP ad uso degli imprenditori che desiderano valutare le possibilità di esportare prodotti e servizi in mercati esteri, specialmente in Medio Oriente e Emirati Arabi Uniti.

Perché un glossario? Per capire subito il significato di certi termini quando si parla di export e internazionalizzazione e, solo eventualmente, usarli nel giusto contesto se stiamo parlando con persone abituate a conversare su export, internazionalizzazione, globalizzazione, ecc.

Alcuni termini, per motivi redazionali, sono stati tradotti letteralmente da fonti in lingua inglese, perciò il “pedice” (il numerino) accanto ad alcuni termini fa riferimento alla posizione nella pagina delle citazioni bibliografiche che occorre visitare per ottenere l’url originale dal quale i termini provengono.

Glossario in ordine alfabetico delle parole relative all'internazionalizzazione

A

APAC: designazione geografica per Asia Pacific, per il sud-est asiatico.

B

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

C

CCG: dall’inglese Gulf Cooperation Council (GCC) è un’organizzazione politica che comprende i paesi di una specifica area geografica: Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

D

Decision making: per decision making si intende la capacità di prendere decisioni in modo consapevole, ponderando le varie soluzioni e conseguenze delle nostre scelte. In breve è il processo del pensiero di selezionare una scelta logica tra le opzioni disponibili.
Quando dobbiamo prendere una decisione, dobbiamo considerare i lati positivi e negativi di ciascuna opzione e ponderare tutte le alternative. Per un processo decisionale efficace dobbiamo essere in grado di prevedere anche il risultato di ciascuna opzione. Sulla base di tutti questi fattori, saremo in grado di determinare quale opzione è la migliore per una particolare situazione.

E

Emea: indicazione geografica usata soprattutto in campo economico-industriale formata dall’acronimo inglese di Europe, Middle East, and Africa (Europa, Medio Oriente e Africa).

F

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

G

GAFTA: dall’inglese Greater Arab Free Trade Area – Area araba allargata di libero scambio. Da non confondere con GAFTA – Grain and Feed Trade Association. Al GAFTA partecipano tutti gli Stati del Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG vedi) ed è controllato e gestito dal Consiglio Economico e Sociale (ESC) della Lega Araba.

Globalizzazione: il movimento mondiale verso l’integrazione economica, finanziaria, commerciale e delle comunicazioni.
La globalizzazione implica l’apertura di prospettive locali e nazionalistiche a una prospettiva più ampia di un mondo interconnesso e interdipendente con il libero trasferimento di capitali, beni e servizi attraverso le frontiere nazionali. Tuttavia, non include il libero movimento del lavoro e, come suggerito da alcuni economisti, può danneggiare le economie più piccole o fragili se applicato indiscriminatamente. Bibliografia2

Glocalizzazione: prodotti o servizi progettati per avvantaggiarsi di un mercato locale e allo stesso tempo sviluppati e distribuiti a livello globale. Il termine glocalizzazione  risulta dalla combinazione delle parole globalizzazione e localizzazione.

G

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

I

IMEA: designazione geografica indica India, Middle East, and Africa.

Internazionalizzazione: in ambito commerciale la tendenza delle imprese ad operare al di fuori dei confini nazionali.

J

Joint Venture: nuova società formata per raggiungere obiettivi specifici di una partnership come accordo temporaneo tra due o più imprese. Le JV sono vantaggiose come meccanismo di riduzione del rischio nella penetrazione di nuovi mercati e nella messa in comune di risorse per progetti di grandi dimensioni. Tuttavia, presentano problemi unici nella proprietà azionaria, nel controllo operativo e nella distribuzione di profitti (o perdite). La ricerca indica che due accordi su JV su cinque durano meno di quattro anni e si dissolvono in acrimonia. Bibliografia3

K

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

L

LATAM: designazione geografica per Latin America.

M

MEMEA: designazione geografica per Mainland Europe, Middle East, and Africa, esclude le Isole Britanniche.

N

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

O

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

P

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

Q

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

R

Rischio sovrano: rischio di sospensione del pagamento di un prestito da parte di mutuatari (coloro che accendono un mutuo)  esteri in ragione dell’interferenza di un governo sovrano estero. Il termine si riferisce anche al rischio di default (vedi) di un governo estero su un prestito emesso (o garantito) dallo stesso governo. È anche detto rischio paese.

Rischio di default: detto anche rischio di insolvenza,  è il rischio che il debitore non assolva, anche solo in parte, ai suoi obblighi di rimborso del capitale o al pagamento degli interessi al suo creditore. Noto anche come “probabilità di default” (PD, o tasso di insolvenza).

S

SEMEA: designazione geografica per South Europe, Middle East, and Africa, esclude i paesi dell’Europa settentrionale.

T

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

U

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

V

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

W

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

X

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

Y

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

Z

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.
Back To Top